REPOST: IL TRAMONTO – PENSIERI E DIVAGAZIONI DEL VENERDÌ

Eccoci al primo dei repost del mese di agosto. Oggi è venerdì, perciò vi ripropongo una delle mie divagazioni: “Il tramonto” (qui il link al post originale), pubblicata il 20 aprile di quest’anno. Se mi seguite da un po’ già lo sapete che il venerdì è dedicato a post legati a temi a me molto cari e alle mie riflessioni, come è il caso di oggi,  o che raccontano di mie vicende personali. Un’abitudine che ho preso quest’anno e che mi piace portare avanti.

Cos’è il tramonto? Da un punto di vista Continua a leggere

NON LASCIATE CHE LA VOSTRA GIORNATA TERMINI SENZA ESSERE CRESCIUTI UN PO’. PENSIERI E DIVAGAZIONI DEL VENERDÌ

Nella mia odierna divagazione del venerdì, vi propongo il mio commento a una breve ma bellissima e intensa riflessione dello scrittore, poeta e giornalista americano Walt (Walter) Whitman.

Dice: «Non lasciate che la vostra giornata termini senza essere cresciuti un po’, senza aver sorriso molto, senza aver alimentato i vostri sogni. Non fatevi vincere dallo scoraggiamento. Non permettete a nessuno di togliervi il diritto di esprimervi, che è quasi un dovere. Non desistete dal desiderio di rendere la vostra vita straordinaria.»

È un brano che, in poche righe, dice tantissimo. Parla della necessità di dare senso al tempo, dandogli una direzione. Di impiegarlo bene, perché ci è dato per crescere, per fare un passo in più e per sorridere ogni giorno che viviamo. Racchiude in poche righe l’essenza del significato del nostro esistere, di ogni singola vita. Sprona al coraggio: l’abbattimento non deve mai impedirci di proseguire lungo il nostro cammino. Esorta ad avere dei sogni, a viverli, amarli e a nutrirli con costanza. Continua a leggere

PRIMAVERA NON ARRIVA MAI TROPPO PRESTO: PENSIERI E DIVAGAZIONI DEL VENERDÌ

La primavera è la prima delle quattro stagioni. Posta tra l’inverno e l’estate, simboleggia da sempre la rinascita, della natura, della vita, degli uomini, che avviene nel passaggio tra la stagione fredda e quella calda.

nature-2488176_960_720

Nelle mie divagazioni del venerdì, un breve pensiero, un cammeo, sulla primavera, una stagione che, come diceva Gilbert Keith Chesterton, non è tale «se non arriva troppo presto». Anche se, a volte, certe giornate o certi segnali ci fanno pensare che stia per arrivare, in realtà sono solo presagi, indizi che sta per sbocciare. La natura si prepara a lungo a questo evento, accorda i suoi strumenti uno ad uno finché non è pronta a suonare, per noi, il suo concerto. Continua a leggere