REPOST: IL TRAMONTO – PENSIERI E DIVAGAZIONI DEL VENERDÌ

Eccoci al primo dei repost del mese di agosto. Oggi è venerdì, perciò vi ripropongo una delle mie divagazioni: “Il tramonto” (qui il link al post originale), pubblicata il 20 aprile di quest’anno. Se mi seguite da un po’ già lo sapete che il venerdì è dedicato a post legati a temi a me molto cari e alle mie riflessioni, come è il caso di oggi,  o che raccontano di mie vicende personali. Un’abitudine che ho preso quest’anno e che mi piace portare avanti.

Cos’è il tramonto? Da un punto di vista strettamente astronomico è l’istante in cui il sole scompare sotto la linea dell’orizzonte, segnando la fine del giorno. Dal mio punto di vista, è senza dubbio il momento della giornata che preferisco per i suoi colori, che, ora che siamo in estate, sono magnifici, per il suo essere un’ora tersa e distesa, per l’atmosfera che crea e fa sì che sia un privilegio, quasi una magia, poter ogni sera assistervi e, infine, per il suo essere pieno di significato simbolico. La pace e la serenità che dà il tramonto sono infatti incomparabili alle emozioni e ai sentimenti che scaturiscono da altre situazioni. Il tempo del crepuscolo riassume tutta la giornata e, più o meno implicitamente, tutta la vita vissuta fino a quel momento, ragion per cui di fronte all’orizzonte non si è mai soli. Si è sempre in compagnia di qualcuno che si ha nei pensieri e che, anche se non presente, lo guarda assieme a noi.

Buona rilettura, dunque!!

 

 

Il tramonto è un momento della giornata particolarmente affascinante ed evocativo, ricco di atmosfera, di colori e soprattutto nella bella stagione di profumi da respirare e suoni da cui farsi circondare.
Oggi nella mia divagazione del venerdì, una poesia dedicata a questo meraviglioso e intenso fenomeno.

 

Tramonto

I colori si stendono all’orizzonte,
si sciolgono come tempera fresca,
facendo brillare di riflessi
case, campi, strade
nella quiete della sera.

All’ombra del tramonto, seduta sul prato,
ascolto questo momento che tutto abbraccia,
un racconto senza parole
con cui scrivo la mia storia.

summer-2391348_960_720.jpg

 

©Federica per Storie in punta di righe 2018

5 pensieri su “REPOST: IL TRAMONTO – PENSIERI E DIVAGAZIONI DEL VENERDÌ

    • Federica ha detto:

      Il mio biglietto le parole…
      L’unico passaporto valido 😉
      Diceva Carlo Bo che «la letteratura coincide con la vita»: e cioè alla fine è la parola che crea la nostra vita, la plasma, la fa diventare ciò che è e ci fa essere ciò che siamo. Non vuoto ma pienezza esistenziale e, soprattutto, vitale.

      Piace a 1 persona

  1. Giuseppe Sabino ha detto:

    Si forse é vero…ma alla fine tutto questo…non ci porterà a nulla!!! Alle volte dimentico l’esistenza di parole come ILLUSIONE o CONVINZIONE . Si, sono sicuramente propenso sempre più verso il pensiero iniziale di questo mio commento!

    Piace a 1 persona

    • Federica ha detto:

      Non porta a nulla se le parole rimangono fini a se stesse… Ma se ci fanno viaggiare hanno già raggiunto il loro primo obiettivo. Colpire e muovere il cuore.
      E tutto il resto si muove da sé, come un’onda cullata dal mare.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...