SCRITTURE INVERNALI: LA CINCIA, UN HAIKU.

Da un paio di mesi cince e cinciarelle si sono riavvicinate a casa per cercare cibo e negli ultimi quindici giorni hanno intensificato le loro visite, così che la loro quotidiana presenza si prolunga spesso anche al pomeriggio, dato che con questo freddo hanno bisogno di nutrirsi molto di più per sopravvivere.

Non ho allestito una vera e propria mangiatoia. Metto i biscotti sbriciolati e i semi, soprattutto di girasole, su di un pilastro e su una tavoletta di legno appoggiata ad una fioriera e mi piace osservarle. Arrivano in gruppo, una alla volta, le prime chiamano le altre e le invitano a seguirle con richiami canori. Si posano sui rami del kiwi selvatico e dell’alloro e poi via, a scegliersi un seme di girasole che, una volta tornate al sicuro sul ramo, tengono tra le zampe e forano col becco in modo da estrarne il contenuto. Un’operazione che le impegna molto e che svolgono con molta rapidità. Ogni tanto litigano tra di loro, ma alla fine tutte riescono a saziarsi.

Lo spettacolo è così bello che ho voluto descrivere il momento in cui ciascuna arriva con un haiku.

 

LA CINCIA

Con lievi balzi

guizza agile e rapida

di ramo in ramo.

 

 

cincia paint

Che ne dite? Vi piace? Spazio ai commenti…

© Federica Rizzi 2017 per Storie in punta di righe

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...